domenica 12 dicembre 2010

Una mela al giorno toglie il medico di torno!

Image and video hosting by TinyPic 

Al di là delle varie leggende, sapete cosa rende questo frutto così speciale? La mela è un vero e proprio farmaco naturale ed un valido alleato nella prevenzione di  alcune malattie.

Proprietà:

  • È ricca di vitamine: contiene Vitamina A, C (rafforza il sistema immunitario), PP, B1 (aiuta a combattere stanchezza, nervosismo e inappetenza), B2 (protegge le mucose della bocca e  dell’intestino, rinforza capelli e unghie)
  • È ricca di acqua e sali minerali tra cui potassio, calcio, fosforo, calcio, sodio, magnesio e ferro
  • Apporta pochissimi zuccheri, infatti è il frutto più indicato per i diabetici poiché contiene fruttosio, uno zucchero che viene metabolizzato senza l’intervento dell’insulina, e contiene delle fibre solubili, tra cui la pectina, che tiene sotto controllo la glicemia
  • Previene la carie poiché il succo è capace di uccidere la maggior parte dei batteri che si depositano sui denti
  • Contiene acido citrico e malico (facilitano la digestione e mantengono inalterata l’acidità dell’apparato digerente)
  • Ha pochissime calorie (circa 50 calorie per 100g)
  • Non contiene né grassi né proteine
  • Ci aiuta a respirare meglio e depura l’organismo dalle sostanze tossiche
  • Abbassa il colesterolo “cattivo” LDL a favore di quello “buono” HDL grazie ai fenoli
  • Previene le malattie cardiovascolari e tumori grazie alla presenza di antiossidanti come i bioflavonoidi, che contrastano i radicali liberi (responsabili dell’invecchiamento della cellule), e della pectina, che svolge ancora una volta un ruolo importante poiché durante la sua fermentazione produce acido butirrico, sostanza base di alcuni farmaci sperimentali per la cura del cancro
  • Mangiata cruda ha un’azione astringente, mangiata cotta è un ottimo rimedio contro la stipsi
  • Sebbene tutti consigliano di mangiarla a merenda come spuntino, a fine pasto ci aiuta a digerire e, grazie all’acido ossalico, sbianca e pulisce i denti e massaggia le gengive
  • Sia nella polpa che nella buccia sono presenti eteri, alcoli, tannini e terpeni che rendono infinitamente vario il profumo, il colore ed il sapore di ogni mela (le proprietà di ogni frutto variano a seconda del grado di maturazione e dalla qualità) 
  • La buccia contiene ulteriori vitamine e sali minerali quindi l’ideale sarebbe mangiarla tutta intera, ma è fondamentale lavarla bene perché può essere stata trattata con pesticidi di vario genere che servono a  prolungarne la conservazione

Questo frutto, che appartiene alla famiglia delle Rosacee, possiamo trovarlo in ogni stagione dell’anno anche se la sua maturazione va da fine agosto a metà settembre, e ce ne sono di vari tipi, ecco le più diffuse: 



Image and video hosting by TinyPic Golden delicious


Image and video hosting by TinyPic  Red Delicious

  Image and video hosting by TinyPic  Fuji


Image and video hosting by TinyPic   Renetta 


Image and video hosting by TinyPic  Gala


Image and video hosting by TinyPic  Granny Smith

Per saperne di più sui vari tipi di mele vai sul sito >Melinda<


mercoledì 3 novembre 2010

Le bevande scadono?

Image and video hosting by TinyPic 


Leggere le etichette e controllare la scadenza dei prodotti è una buona abitudine, ma al contrario degli alimenti, alcune bevande, se ben conservate, non scadono. In particolare le bevande con un tasso alcolico superiore al 10% non è previsto alcun limite di scadenza. Invece per tutte le altre bevande, sull’etichetta deve essere indicato il termine minimo di conservazione (“da consumarsi preferibilmente entro...”); oltrepassata quella data il prodotto perde alcune proprie proprietà nutrizionali e organolettiche (sapore, odore, colore), ma ciò non significa che diventa dannoso per la nostra salute. Nel caso però di alcune bevande deperibili (ad esempio il latte fresco) viene indicata sull’etichetta la seguente dicitura: “da consumarsi entro…”, ciò significa che per questioni di sicurezza è meglio non consumarlo oltre quella data.

domenica 10 ottobre 2010

La prima colazione

Ci sarà una ragione se la definiamo “il pasto fondamentale”: secondo i nutrizionisti la colazione dovrebbe apportare almeno il 20-25% delle calorie giornaliere e quello che  mangiamo fornisce al nostro corpo l’energia necessaria per affrontare la giornata, perciò deve essere un’abitudine per tutti, poiché è stato dimostrato che chi consuma regolarmente una buona e sana colazione è meno soggetto a problemi di obesità, soprappeso (poiché accelera il metabolismo corporeo), ma non solo.
Questa semplice azione influenza positivamente la nostra salute (e anche il nostro umore e la nostra concentrazione!), quindi è meglio non saltare mai questo pasto: né per mancanza di tempo, perché ci si può svegliare qualche minuto prima, né per pigrizia, né per una questione di linea, perché il digiuno non fa dimagrire!
Ormai lo dicono tutti, medici e non, e non vi è dieta che non la preveda, perché senza di questa si è portati a mangiare di più durante il resto della giornata.

Ecco gli alimenti giusti: una tazza di latte/caffè/succo di frutta/yogurt/spremuta/tè con biscotti/cereali (possibilmente integrali per l’apporto di fibre)/fette biscottate (con o senza marmellata/miele)/cornetto/fetta di torta e/o un frutto di stagione. Più la si varia, meglio è!

Al mattino possiamo concederci qualche peccato di gola che ci gratifica e ci fa star bene, poichè le calorie assunte nelle prime ore mattutine vengono tranquillamente bruciate (soprattutto se il vostro stile di vita prevede una regolare attività fisica).

La mia colazione ideale?

Image and video hosting by TinyPic


Cappuccino e cornetto seduta a tavola con tutta la mia famiglia.

lunedì 20 settembre 2010

Caro dolce miele

Image and video hosting by TinyPic

Il miele è un prodotto naturale dalle mille virtù alimentari e curative; è simile allo zucchero comune (saccarosio) come apporto calorico (infatti ha 300 kcal per 100 g contro le 400 del saccarosio): il vantaggio del miele nei confronti dello zucchero si limita al fatto che ha un potere dolcificante superiore (grazie alla presenza di fruttosio, cioè è più dolce!!!), e un aroma particolare che lo contraddistingue. Nel miele non sottoposto a nessun tipo di trattamento si trovano vitamine, minerali, enzimi ed ovviamente zuccheri (fruttosio, glucosio).

I suoi mille usi:

-sciogliendo un cucchiaino di miele con un pò di latte si ottiene una lozione idratante per il viso; aggiunto al nostro bagno rinfresca, leviga ed ammorbidisce la pelle secca e ruvida del nostro corpo; 
-svolge un'azione antiossidante per il rinnovamento dei tessuti;
-è ottimo per un piacevole e dolcissimo massaggio;
-sciolto nell'acqua calda dona brillantezza e volume ai nostri capelli;
-applicato su ferite, foruncoli, eritemi, scottature agisce come disinfettante (contiene perossido d'idrogeno) e ne favorisce la guarigione;
-un cucchiaino di miele prima di dormire combatte l'insonnia, l'ansia,la depressione, e anche l'acidità di stomaco;
-unito al latte caldo aiuta a sciogliere i muchi, alleviare la tosse ed il mal di gola (grazie alle sue proprietà emollienti con forte azione antibatterica);
-combatte la stitichezza esplicando un'attività lassativa e una potente attività antinfiammatoria sull’intestino.

Ovviamente ne esistono vari tipi ed ognuno di essi ha determinate caratteristiche e proprietà, quelli più conosciuti sono: miele d'acacia, di agrumi, di castagno, di eucalipto e di lavanda.

Ma bisogna controllare la data di scadenza del miele? 
Il miele non scade mai, ma perde nel tempo le sue qualità ed è preferibile consumarlo entro due anni dalla data di produzione.

giovedì 16 settembre 2010

Frutta e verdura di stagione


Oggi nei supermercati troviamo di tutto ma è giusto scegliere  frutta e verdura di stagione (che vanno assunte quotidianamente), in modo da avere la garanzia di freschezza e tutte le qualità organolettiche e nutrizionali (si spera!)


Image and video hosting by TinyPic 
----------
Image and video hosting by TinyPic
fonte immagini


mercoledì 15 settembre 2010

La piramide alimentare

Image and video hosting by TinyPic
Al vertice della piramide ci sono i dolciumi, patatine e sfizi vari da consumare poco e per puro piacere, 
le salse ed i grassi, la pasta, il riso, il pane raffinati e le patate (ricchi carboidrati di pronta assimilazione);
al centro abbiamo il latte e lo yogurt da consumare tutti i giorni, cibi di origine animale ossia pesce, carni bianche ed i formaggi (preferibilmente freschi) da consumare più volte a settimana, un pò meno invece le carni rosse e le uova; scendendo troviamo gli alimenti ricchi di fibra e sostanze antiossidanti quali i legumi, la frutta, ortaggi e verdure; alla base ci sono i cereali integrali (pane, pasta, riso integrali che costituiscono una fonte di carboidrati complessi - quindi energia senza grassi - e di fibra) e gli oli vegetali, in particolare l'olio extravergine d'oliva; ancora più in basso troviamo gli omini che corrono e stanno ad indicare che bisogna svolgere un'attività fisica regolare.
La NUOVA PIRAMIDE consiglia anche: 
un bicchiere di vino rosso al pasto (pur escludendo l'uso di alcolici e preferendo a tutte le bevande l'acqua) e la necessità dell'apporto quotidiano di una compressa multivitaminica per sopperire alla carenza di vitamine indotta dal progressivo uso di alimentari conservati.

Lo sapevi che? La suddivisione in % dei principi nutritivi della nostra dieta quotidiana dovrebbe essere: 15-20% proteine, 50-60% glucidi, 20-30% grassi.