sabato 31 dicembre 2011

Struffoli


Ingredienti:

500 g di farina, 4 uova, 40 g di zucchero, 1 bicchierino di rum o cognac, un pizzico di sale, 50-60 g di sugna (o strutto) o se non ce l’avete va bene anche il burro, la scorza di mezzo limone e/o arancia a piacere (in questo caso io non l’ho messa), olio di arachide per friggere, miele millefiori q.b, codette o confettini colorati.

Disponete la farina a fontana e al centro versate le uova, il liquore, lo zucchero, la scorza di limone e arancia, il sale ed il burro (o lo strutto); cominciate pian piano ad impastare; lavorate per bene l’impasto sulla spianatoia fino a renderlo liscio ed omogeneo; lasciatelo riposare per una mezz’oretta; suddividete poi l’impasto in più parti e stendete ciascuna di queste fino a formare dei bastoncini o corde sottili; suddivideteli a loro volta in piccoli pezzetti con un coltello, facendo attenzione a non sovrapporli. Preparate una padella con l’olio per friggere e, senza aspettare che diventi troppo bollente, cominciate a versare una parte di struffoli, fateli dorare (basterà un minuto) e disponeteli su una carta assorbente. Ripetete l’operazione con le altre palline. Una volta finito, in un tegame abbastanza grande fate sciogliere il miele e, una volta liquido, versateci dentro gli struffoli, mescolate per bene e adagiateli su un piatto. Decorate con i confettini zuccherati colorati.

Li ho preparati ieri con mia nonna, a parte l’immenso piacere di stare con lei un’intera giornata, mi ha insegnato finalmente come si preparano questi struffoli, io li adoro, e adoro lei! Ah dimenticavo, io ho aggiunto un cucchiaino di bicarbonato e le palline sono venute più morbide rispetto alle altre volte :)



giovedì 29 dicembre 2011

La frutta secca

Image and video hosting by TinyPic 

La frutta secca è ricca di proprietà nutritive e benefiche per la nostra salute: contiene antiossidanti, vitamine A, B ed E, sali minerali come potassio, calcio, fosforo, contengono folico, beta carotene e acidi grassi insaturi e polinsaturi.

Può essere suddivisa in due categorie:

·        quella lipidica, ricca di grassi e povera di zuccheri, in particolare:
-         le noci sono ricche di omega 3, omega 6, magnesio, selenio, proteine e vitamine; oltre ai benefici cardiaci, aiutano a ridurre il colesterolo, a recuperare il tono muscolare e svolgono un’azione antiossidante ed anche anti-infiammatoria;
-         le nocciole sono ricche di Vitamina A che dona bellezza e lucentezza alla pelle e agli occhi, vitamina E, grassi monoinsaturi, manganese (essenziale durante i periodi di sforzo fisico e mentale) e flavonoidi; svolgono anch’esse un’azione antiossidante, anti-infiammatoria, ed aiutano a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari;
-         i pinoli sono ricchi di calcio, vitamine, proteine, grassi e fibre; sono utili soprattutto a chi è vegetariano o mangia comunque poca carne, e fungono anche da “integratori” per la stanchezza e la debolezza;
-         le mandorle sono ricche di fibre, proteine, acidi grassi essenziali, vitamine B2 ed E e sali minerali come ferro, calcio, zinco e manganese, che aiutano a regolare l’intestino, a migliorare l’umore e sono utili in caso di ansia, stanchezza ed insonnia;
-         le castagne sono ricche di amido, proteine, grassi, minerali (fosforo, potassio, calcio, sodio, ferro) e vitamine PP, B1, B2; aiutano a prevenire i disturbi gastrointestinali e a ridurre il colesterolo;
-         le arachidi contengono arginina, un aminoacido fondamentale per la crescita, sono ricche di vitamina E, sali minerali e polifenoli;
-         gli anacardi contengono un’alta percentuale di grassi monoinsaturi, acido folico, vitamine B1 e B2, selenio, e steroli vegetali; essi aiutano a ridurre il livello di colesterolo cattivo e sono antidepressivi;
-         i pistacchi sono ricchi di vitamina A, B, proteine, omega 6 e sali minerali come ferro e potassio, sono consigliati a chi soffre di anemia o di ritenzione idrica e servono anche a migliorare la circolazione;
·        quella glucidica o essiccata, ricca di zuccheri e povera di grassi (come albicocche, mele, uva, datteri, prugne, fichi, ecc.), che ha appunto un’alta percentuale di zucchero quindi serve a chi svolge regolarmente attività fisica, a chi studia e lavora; essendo ricca di fibre aiuta a regolare la flora intestinale.

Per ricavarne dei benefici dovremmo mangiarne pochi grammi al giorno (ma quella zuccherina solo 2-3 alla settimana), possibilmente lontano dai pasti, anche se si sa, durante le feste natalizie non può mancare a tavola! Attenzione però alle allergie/intolleranze e al diabete (ma non solo!)


Piccolo suggerimento: Per rendere più gustose le nostre insalate, dolci e macedonie potremmo aggiungere un po’ di frutta secca a seconda dei proprio gusti, senza esagerare!


Lo sapevi che? Se aggiungiamo la frutta secca ai cereali, possiamo ottenere delle proteine ​​di alta qualità, fondamentali per la crescita.


Una tabella coi valori nutrizionali la trovate >QUI<


mercoledì 14 dicembre 2011

Trofie con zucchine e gamberetti




Ingredienti:

trofie fresche, 1-2 zucchine, 1 busta di gamberetti già sgusciati surgelati (o freschi, ancora meglio!) olio, sale, pepe (a piacere)

Lessate le zucchine in acqua salata, scolatele e lasciatele raffreddare un po'. Aggiungeteci un po’ di olio e poi frullatele per bene (oppure prima di lessarle potete tagliarle a cubetti se preferite); scongelate i gamberetti e cuoceteli a parte. Lessate poi le trofie, conditele con la salsa di zucchine ed i gamberetti ed aggiungete un po’ di pepe.

venerdì 25 novembre 2011

Bon bon di philadelphia


 
Ingredienti:
1 pacchetto di crackers
100 g di philadelphia
1 fetta di prosciutto cotto
sale
pepe (a piacere)

Sbriciolate i crackers a busta chiusa (o nel frullatore se volete aumentare le dosi), poi apritela e versate tutto in una ciotolina, aggiungete il formaggio, un pizzico di sale e pepe ed il prosciutto sminuzzato; amalgamate il tutto con una forchetta e con le mani formate delle palline, inserendole poi nei pirottini di carta; mettetele in frigo per una decina di minuti e servite.

mercoledì 16 novembre 2011

Come ripulire una pentola bruciata?

Image and video hosting by TinyPic
 
Avete lasciato la vostra pentola per troppo tempo sul fuoco ed avete combinato un pasticcio bruciandola tutta? Niente paura, basta far bollire acqua, un pugno di sale e 2 cucchiai di bicarbonato per circa mezz’ora (le quantità dipendono dalla dimensione della pentola): lasciate raffreddare il tutto anche per un’intera giornata se serve, e poi provate a lavarla normalmente con il detersivo e la spugnetta (abrasiva se necessario), strofinando per bene. Un’altra variante potrebbe essere: acqua, bicarbonato, detersivo ed un po’ di aceto di vino bianco.

domenica 13 novembre 2011

Come disporre gli alimenti in frigo?

Image and video hosting by TinyPic


La temperatura corretta del nostro frigorifero dovrebbe essere tra 1-4°C, ma questa varia a seconda delle diverse zone: in generale il freddo tende ad andare verso il basso, quindi la zona più fredda è quella al di sopra dei cassetti mentre quella più calda è lo sportello.

Per garantire la giusta conservazione degli alimenti è necessario posizionarli in questo modo:

  • allo sportello c’è l’apposito scomparto per le uova, e poi bevande, burro e salse (tipo ketchup)
  • in alto i formaggi, panna, yogurt, dolci e conserve
  • al centro salumi, verdure e cibi cotti
  • in basso carne e pesce
  • nei cassetti frutta e verdure crude

Consigli utili: 

- per assicurare sempre la circolazione dell’aria all’interno del frigorifero ed evitare sprechi, è necessario non riempirlo troppo
- non lavate frutta o verdura prima di metterli in frigo poiché l'aumento di umidità favorisce la crescita di muffe e batteri
- non disponete gli alimenti a contatto con la parete in fondo al frigorifero, in quanto è umida
-  gli alimenti surgelati vanno scongelati nel frigorifero e non a temperatura ambiente; al contrario gli alimenti caldi non vanno conservati subito in frigo ma bisogna aspettare che raffreddino a temperatura ambiente

Per sapere quali cibi e per quanto tempo possono essere conservati in frigorifero guardate questa  tabella


giovedì 3 novembre 2011

Tortellini in salsa rosa




Preparate il vostro sugo classico e poi aggiungeteci la panna da cucina (sta a voi decidere se metterne poca o molta) in modo da creare questa “salsa rosa”; intanto lessate i tortellini in acqua salata e poi conditeli. Più veloce di così!?!

domenica 16 ottobre 2011

Rimedi per stoviglie più brillanti e pulite


Image and video hosting by TinyPic

E’ vero che oggi in commercio ci sono i brillantanti appositi o comunque le pastiglie 3-4 in 1 per i lavaggi in lavastoviglie che praticamente fanno tutto loro… ma i vecchi rimedi della nonna sono imbattibili, quindi possiamo:

  • aggiungere un cucchiaio di bicarbonato insieme alla pastiglia (o dose di detersivo piatti se li laviamo a mano) che renderà l’acqua meno dura e potenzierà quindi l’effetto del detersivo;
  • aggiungere qualche cucchiaiata di aceto all’acqua per il lavaggio dei piatti o in lavastoviglie (l’aceto sgrassa meglio e rende le stoviglie più brillanti);
  • in alternativa all’aceto si può utilizzare il limone, che è ottimo anche per i cattivi odori, da posizionare in lavastoviglie oppure da strofinare sui piatti (dicono vada bene anche mezza patata ma ancora non ho provato).

giovedì 13 ottobre 2011

Piccoli consigli per dimagrire più velocemente

Image and video hosting by TinyPic 

Innanzitutto, non smetterò mai dirlo, non dobbiamo mentire a noi stessi, se vogliamo cambiare il nostro corpo l’unico modo è impegnarci, so per esperienza che ci vuole una forza di volontà non indifferente! Ma oltre a questo voglio “svelarvi” dei piccoli segreti che a me sono serviti:

- Bere acqua la mattina appena svegli, e lontano dei pasti

- La colazione è d’obbligo, e la scelta di cibi è così ampia! L’importante è non esagerare con i dolciumi, anzi evitarli proprio!

- Fare almeno 5 pasti al giorno , fondamentale è non arrivare a tavola affamati come lupi!

- Digiunare la sera è sbagliatissimo, non avete idea di come questo rallenti il metabolismo, quindi durante la giornata sono obbligatori anche gli spuntini (non troppi e soprattutto per spuntini intendo un frutto, uno yogurt o una carota ad esempio)

- A pranzo e a cena preferire i piatti unici (carboidrati+proteine+verdure), che sono più gustosi e saziano di più

- Non mangiare di fretta e masticare bene il cibo, così non solo si favorisce la digestione, ma si evita anche di mangiare più del necessario


martedì 11 ottobre 2011

Come eliminare l’odore di fritto?

Image and video hosting by TinyPic

Come evitare che il cattivo odore si espanda in tutta la casa?
 
Oltre alle cose ovvie da fare, quali ad esempio aprire il balcone o la finestra, chiudere la porta della cucina mentre friggete ed accendere la cappa, utilissimi sembrano essere i vecchi rimedi delle nonne:

1. potete tagliare una mela ed immergere una fettina nell’olio per friggere quando è già caldo; ogni volta che la fetta di mela si frigge (e lo notate perché diventa dorata) dovete sostituirla; ovviamente se dovete friggere molto una fetta non basta, aggiungetene magari 2-3
2. invece della mela potete utilizzare la buccia di un limone oppure un pezzo di sedano
3. bruciate una zolletta di zucchero sulla fiammella del gas
4. al termine della frittura potete bollire in un pentolino un po’ d’aceto bianco

Voi quale metodo utilizzate?


venerdì 7 ottobre 2011

Spaghetti col tonno



Ingredienti (per 2 persone):

200 g di spaghetti, 2 scatolette di tonno, pangrattato, parmigiano grattugiato, olio, sale


In una padella scaldate il tonno sgocciolato con l’olio d’oliva e pangrattato (regolatevi con la quantità, io ne metto un bel po’ perché mi piace!) per qualche minuto; spegnete il fuoco e aggiungete un po’ di parmigiano per insaporire. Lessate, scolate la pasta e conditela. Buon appetito!

venerdì 23 settembre 2011

L’alimentazione giusta dutante il ciclo mestruale

Image and video hosting by TinyPic 

Nella fase premestruale la maggior parte delle donne ha più appetito del solito, e questo dipende dal calo di zuccheri nel sangue, nonché dall’abbassamento della serotonina, che tiene sotto controllo l’umore; allora in questo caso è più indicato mangiare carboidrati (pasta, pane) per ripristinare appunto gli zuccheri, bere molta acqua ed evitare i cibi troppo salati data la tendenza alla ritenzione idrica, ed i legumi che peggiorano la sensazione di gonfiore.

Durante le mestruazioni abbiamo anche un calo di ferro, che è una sostanza fondamentale per il nostro organismo, quindi per reintegrarlo basterà mangiare carne rossa (l’ideale sarebbe il fegato), ma anche pesce azzurro, uova, mandorle, noci, fagioli e lenticchie, ecc.
Il pesce in particolare, essendo ricco di omega 3, ci aiuta a diminuire i dolori ed i crampi.

E’ importante bere latte o yogurt, ricchi di calcio, che ci aiutano ad alleviare il mal di pancia; da evitare invece le bevande che contengono caffeina perché favoriscono le infiammazioni.
Il magnesio (contenuto negli ortaggi verdi, banane, ecc.) ci aiuta a mantenere l’umore “stabile”.
Infine, per combattere gonfiore e stitichezza basterà mangiare tanta frutta e tutti i cibi che contengono fibre.

Lo sapevi che? Se hai un flusso abbondante dovresti mangiare carne rossa, formaggi, verdure amare e tutti i frutti ricchi di vitamina C, evitando gli alimenti che fluidificano il sangue; se ce l’hai scarso invece è necessario assumere alimenti che svolgano questa azione quali il pesce, asparagi, uova ed ananas.

giovedì 8 settembre 2011

Rotolo di mozzarella


Ingredienti:

1 sfoglia di mozzarella, 1 pomodoro, lattuga, maionese, prosciutto cotto (oppure tonno), sale, olio, pan carrè

Stendete la sfoglia su un piatto abbastanza grande o meglio ancora su un vassoio e cominciate a fare uno strato di pan carrè (ma non è necessario), un altro di fette di pomodoro (meglio se sottili) condite con sale e olio, poi qualche foglia di lattuga, fette di prosciutto cotto e qualche cucchiaiata di maionese; arrotolatela per bene e conservatela in frigo avvolta nella pellicola finché non dovete servirla.

martedì 6 settembre 2011

Per un bucato più bianco


Image and video hosting by TinyPic

Selezionate tutti i panni bianchi e metteteli in lavatrice; non riempite troppo il cestello ma lasciate lo spazio necessario affinché la vostra biancheria possa “muoversi” durante il lavaggio; aggiungete alla dose di detersivo 2 cucchiai di bicarbonato, che svolge un’azione sbiancante, disinfettante, riduce la durezza dell’acqua e rende il nostro bucato morbido, anche se io metto comunque l’ammorbidente.
Se la tua biancheria si è ingiallita il metodo più efficace rimane comunque la candeggina!
Voi usate qualche prodotto in particolare al posto del bicarbonato?

domenica 4 settembre 2011

Pesare senza la bilancia

Image and video hosting by TinyPic 

Già seguire una dieta non è per nulla facile, se poi dobbiamo anche perdere tempo a misurare tutto sulla bilancia è la fine! Oramai ci ho fatto l’abitudine e la uso solo quando non ne posso fare a meno, ad esempio quando si tratta di carne, pesce (per la pasta io conto le singole penne o altro), ecc! In linea generale vi mostro alcune quantità:

1 cucchiaino raso di zucchero = 5 gr
1 cucchiaino di miele = 8 gr
1 cucchiaino di olio = 4 gr
1 cucchiaino di burro = 4 gr
1 cucchiaino di marmellata = 7 gr
1 cucchiaio da minestra = 10-15 gr
1 tazza da caffelatte di tè o latte = 200 gr
1 tazzina da caffe' = 30 gr
1 bicchiere = 140 gr

domenica 28 agosto 2011

Bruschette al pomodoro



Le mangerei ogni giorno, a me il sugo dei pomodori con l’olio insieme al pane caldo mi fa impazzire! Prepararle è semplice: io non aggiungo né aglio né cipolla, semplicemente in una ciotola metto i pomodori tagliati a pezzetti piccoli, olio, sale e origano, mescolo per bene e aspetto che le fette di pane (meglio ancora le frese o friselle o crostini di pane come li chiamate voi!) si abbrustoliscano giusto un po’. Aspetto qualche minuto altrimenti mi brucio le mani e comincio a condirle con tanto tanto sugo per ammorbidirle (perché a me non piacciono croccantissime) e poi ovviamente aggiungo i pomodori.

venerdì 26 agosto 2011

Non si può vivere senz'acqua

Image and video hosting by TinyPic

Pensate sia banale dire che l’acqua fa bene? Vediamo se sapete i motivi per cui essa è fondamentale per il nostro organismo:

- ci aiuta a perdere peso: durante la giornata dobbiamo pur bere qualcosa, allora provate a sostituire tutte quelle bevande zuccherate, gassate ed alcoliche con la semplice acqua (avete mai notato l’etichetta della Fanta per esempio? Bhé se non lo sapete questa apporta 51 calorie per 100 ml) che non ha né grassi né calorie, in più riduce l’appetito, e se beviamo prima di mangiare ci renderemo conto che forse la nostra più che fame, è sete!
-  facilita la digestione e ci aiuta in caso di acidità di stomaco e stitichezza
-  pulisce e idrata la nostra pelle, le dona un colorito migliore e ci aiuta ad eliminare le tossine
- migliora la nostra concentrazione ed il nostro rendimento quotidiano, anche e soprattutto quello sportivo poiché la disidratazione ci rende stanchi e privi di forza
- fa bene al nostro cuore, infatti diminuisce il rischio di infarti e anche di tumori alla vescica
- ci aiuta a curare quel fastidioso mal di testa che ogni tanto ci tiene compagnia (la cefalea a volte è sintomo di disidratazione)
-  i nostri capelli senza acqua diventano più fragili e più esposti alla caduta

Inoltre l’acqua è indispensabile per:
-         mantenere il volume del sangue
-         trasportare e diluire le sostanze nell’organismo
-         controllare la temperatura corporea
-         eliminare le scorie
-         lubrificare le cavità
-         mantenere la regolarità intestinale 

Come e quando berla? Meglio se a piccoli sorsi e non sempre e solo durante i pasti.
Ad esempio l'ideale è seguire lo schema degli 8 bicchieri:
1 appena svegli
2 a lavoro/scuola
3 durante la pausa
4 prima di pranzo
5 prima dello spuntino
6 dopo l'attività fisica
7 prima di cena
8 prima di coricarsi

Medici e nutrizionisti consigliano di bere almeno 2 litri d'acqua al giorno che in media sono i litri di liquidi che espelliamo dal corpo attraverso l’urina, il sudore, ecc. Di più non è necessario, anzi è sconsigliabile perché anche l’eccesso di acqua può far male, soprattutto ai nostri reni.

Dicono che: dobbiamo scegliere acqua priva di sodio, ma è una cosa abbastanza inutile visto che per accumularne un grammo al giorno dovremmo berne quasi 100 litri, piuttosto stiamo attenti al sodio negli alimenti!

Lo sapevi che? l’acqua fredda peggiora le prestazioni intellettuali del 15% circa? Quindi meglio l'acqua a temperatura ambiente.

martedì 16 agosto 2011

Insalata verde con mais e tonno


Ingredienti:
lattuga (l'iceberg è la mia preferita), mais, tonno, olio, sale, aceto di mele

Non c’è niente da spiegare! La mia insalata è “light” ma voi potete aggiungerci di tutto; d’estate è la cosa che mangio di più in assoluto!

lunedì 8 agosto 2011

Insalata di pomodori con tonno



Tagliate a fette o spicchi i pomodori, conditeli con sale, olio, origano e basilico, aggiungete il tonno sgocciolato

domenica 31 luglio 2011

Riso tricolore


Ingredienti:

riso per insalate, olive verdi, pomodorini, mozzarelle ciliegine, olio extravergine di oliva

E’ semplicissimo e perfetto per l'estate! Basta lessare il riso, lasciarlo raffreddare e condirlo poi con le olive verdi, i pomodorini tagliati a metà (salateli prima) insieme al loro “sughetto” (ossia l’acqua che hanno all’interno con i semini), le mozzarelline anch’esse tagliate a metà, ed un filo d’olio.

giovedì 14 luglio 2011

Involtini di bresaola e philadelphia



Ingredienti:
200 g di  bresaola
150 - 200 g di philadelphia
rucola
parmigiano
limone o aceto balsamico
olio evo

-

Uno dei miei secondi freschi preferiti! Basta mettere un po' di philadelphia su ogni fetta di bresaola ed arrotolarle per formare degli involtini; adagiateli su un letto di rucola (ben lavata) condita con sale, olio e limone (o aceto balsamico); cospargete con scaglie di parmigiano.





giovedì 7 luglio 2011

Pesce finto



Ingredienti:
1-2 scatolette di tonno, 500 g di patate, maionese, olive verdi

Lessate le patate e schiacciatele come se doveste fare un purè, frullate il tonno e mescolatelo al purè freddo, aggiustate di sale, aggiungete la maionese e mescolate bene; versate il composto su un piatto (il mio è a forma di pesce :P) e cercate di dargli la forma di un pesce. Per decorarlo io ho utilizzato un’oliva intera per l’occhio e le altre le ho tagliate in quattro per formare “la pelle”; c’è chi lo decora con carote e cetriolini, o con le uova sode,ci vuole un pò di fantasia!

giovedì 30 giugno 2011

Tartine con salsa tonnata

Ingredienti:

fette di pan carrè, maionese, 1 scatoletta di tonno, olive verdi, lattuga

Tagliate la crosticina dalle fette di pan carrè e dividete ogni fetta in due, preparate la salsa tonnata (non ho frullato il tonno per mancanza di tempo) e adagiatela su ogni triangolino; disponeteli su uno strato di lattuga e decorate come vi pare (io ho messo delle olive al centro del mio cerchio ma potete anche metterne una su ogni triangolo infilzandole con gli stuzzicadenti).

sabato 25 giugno 2011

Risotto allo zafferano


Ingredienti:

200 g di riso, 25 g di burro, un po’ di cipolla, parmigiano grattugiato, brodo vegetale (fatto con mezzo dado e la giusta acqua), ½ bicchiere di vino bianco, 1 bustina di zafferano in polvere.

Fate sciogliere la cipolla col burro, unite il riso bagnandolo piano piano col brodo (lasciatene un po’ perché dobbiamo far sciogliere lo zafferano), a metà cottura aggiungete il vino e quando evapora ed il riso si asciuga aggiungete il restante brodo con lo zafferano. Prima di servire aggiungete una noce di burro e parmigiano.

mercoledì 22 giugno 2011

L’anguria: il frutto dell’estate

Image and video hosting by TinyPic 


L’anguria (o cocomero) è il frutto che contiene in assoluto più acqua (oltre il 90 %) e una buona quantità di vitamine (A,C,B) e sali minerali (magnesio e potassio).
Ha quindi ottime proprietà dissetanti, rinfrescanti, disintossicanti e diuretiche.
Contiene una minima dose di zuccheri (per lo più fruttosio) e questo la rende ideale per la nostra linea (circa 30 calorie ogni 100 g).
La polpa è ricca di licopene, un antiossidante che in numerose ricerche ha dimostrato capacità terapeutiche sulle patologie polmonari; ma viene anche usata nel campo della cosmesi per maschere viso idratanti e rinfrescanti, lozioni e creme profumate per la pelle.
Per quanto riguarda i semi, sarebbe meglio non ingerirne troppi poiché contengono sostanze ad alto potere purgativo; io personalmente li odio, quindi prima di mangiarla li tolgo tutti, così me la godo per bene!
Importante è sceglierlo maturo, vi basterà notare se la buccia è verde scuro e con venature grigie per capire che è quello giusto!

Image and video hosting by TinyPic

Lo sapevi che? A renderla così dolce non è solo lo zucchero ma anche le sue sostanze aromatiche.

Curiosità: secondo alcune nuove ricerche, il cocomero può essere un ottimo sostituto naturale del viagra poiché contiene la citrullina (soprattutto la parte bianca), che dilata i vasi sanguigni e lo rende quindi il “frutto della passione”.

Ricetta del frullato di anguria:
Ingredienti:

300 gr di polpa d'anguria
50 gr di zucchero (di canna)
mezzo limone
cubetti di ghiaccio

Eliminate tutti i semi dall’anguria, tagliatela a pezzetti e irroratela col succo del limone (attenzione ai semi!) e lasciatela in frigo per un pò; mettetela nel frullatore insieme allo zucchero e al ghiaccio, ed azionatelo finché non si amalgama bene tutto. Versate il frullato nei bicchieri (guarniteli se volete con alcune foglie di menta) e rinfrescatevi!

martedì 14 giugno 2011

Petto di pollo con pomodorini


Ingredienti per 2 persone:

250g di fettine di petto di pollo, qualche pomodorino (vanno bene anche i pomodori), pangrattato, succo di limone, glassa di aceto balsamico, sale (meglio quello aromatizzato alle erbe), olio.

Tagliate a pezzetti il petto di pollo e cucinatelo in padella con sale e succo di limone (e con olio, ma io lo metterò a crudo), dopo un po’ aggiungetegli il pangrattato (quanto ne volete); quando è ben cotto trasferitelo in una ciotola e qui aggiungeremo i pomodorini ben lavati, salati e tagliati a metà, condite infine con olio e glassa di aceto balsamico.

martedì 7 giugno 2011

Zucchine al tonno


 Ingredienti (per 2 persone):

3-4 zucchine, 1 uovo, sugo, 2 scatolette di tonno, pangrattato, olio, aglio, sale , parmigiano grattugiato, prezzemolo.

Dividete le zucchine in due parti uguali nel senso della lunghezza, scavate l’interno aiutandovi con un coltello ed un cucchiaino, lessatele in acqua salata per qualche minuto (fate la prova con la forchetta, non devono essere né dure né molli), scolatele e lasciatele raffreddare; la polpa invece mettetela in una padella e facciamola soffriggere con olio ed uno spicchio d’aglio; aggiungete poi il tonno, l’uovo crudo, un po’ di sugo, pangrattato e prezzemolo, aggiustate di sale e cuocete a fuoco lento. Una volta raffreddato l’impasto aggiungete il parmigiano e cominciate a riempire le zucchine. Sistematele su una teglia ricoperta di sugo, versategli sopra altro sugo (sono buonissime anche bianche). Mettetele in forno preriscaldato a 180° per circa 30 minuti (verso la fine possiamo aggiungere pezzetti di sottiletta).

giovedì 2 giugno 2011

Cosa mangiare prima degli esami?

Image and video hosting by TinyPic

Gli esami di maturità, ma anche quelli universitari, mettono a dura prova mente e corpo. E allora cosa possiamo fare per rimediare al troppo stress, soprattutto il giorno prima?

Dormire bene e mangiare bene, perché il riposo è fondamentale e il digiuno di certo non ci terrà concentrati.
Ma quali alimenti fanno al caso nostro? Sicuramente frutta e verdura, e in questa stagione abbiamo l’imbarazzo della scelta: lattuga, carote, cetrioli, pomodori, mele, pere, banane, more, pesche, albicocche, ecc; preferite il pesce alla carne; via libera anche a pasta, riso e latte. Insomma ci servono cibi nutrienti, leggeri e facilmente digeribili.

Evitate di bere troppo caffè perché è vero che ci fa stare più svegli e lucidi, ma l’eccesso provoca eccitazione, tachicardia e insonnia. Rinunciamo anche al tè, agli alcolici e ai dolciumi (un dolcetto non può certo farci male quindi possiamo concedercelo, l’importante come sempre è non eccedere).

Non mi resta che raccomandarvi di studiare e di darvi l’in bocca al lupo!!!